Domenica, 25 Febbraio 2018
Menu Principale
News

Yoga - significato

La parola Yoga deriva dalla radice sanscrita «Yug» che significa unire, legare assieme, soggiogare, dirigere e concentrare l'attenzione, usare ed applicare. Significa anche unione o comunione, ed è la vera unione della nostra volontà con quella di Dio.
Significa anche unione in perfetto equilibrio di tutte le componenti del nostro essere: corpo, mente, spirito.
«Essa perciò significa» dice Mahadev Desai nella sua introduzione alla "Gita according to Gandhi", «il soggiogamento di tutti i poteri del corpo, della mente e dell'anima a Dio; significa inoltre disciplinare l'intelletto, la mente, le emozioni, la volontà, condizioni presupposte dallo Yoga; significa equilibrio dell'anima che rende capaci di guardare alla vita con equanimità in tutti i suoi aspetti».
Le origini dello Yoga sono quasi sicuramente pre-arie, in quanto si trovano allusioni a questa disciplina nei reperti archeologici della civiltà della valle dell'Indo.
La parola Yoga fu usata in India fin dall'epoca vedica nel senso proprio di "controllo della mente e dei sensi", come esposto nelle Upanisad (sthiram indriya-dharanam).

Il Kathopanisad descrive lo Yoga nel modo seguente: «Quando i sensi si sono calmati, quando la mente riposa, quando l'intelletto non tentenna, allora, dice il saggio, il più alto stadio è raggiunto. Questo costante controllo dei sensi e della mente è stato definito Yoga. Chi raggiunge tale controllo è libero dalla delusione».

Lo Yoga è uno dei sei sistemi ortodossi della filosofia indiana. Esso fu codificato, coordinato e ridotto a sistema da Patanjàli, nella sua opera classica, lo Yoga sutra che è composto da 196 concisi aforismi e rappresenta l'arte e la scienza dello Yoga.
Nel pensiero indiano, tutto è permeato dallo Spirito Universale Supremo (Paramàtmà o Dio) di cui lo spirito umano individuale (jivàtmà) è una parte. Lo Yoga è così chiamato poiché insegna i mezzi con i quali lo jivàtmà può essere unito, o essere in comunione con il Paramàtmà, così da assicurare la liberazione (moksa).
L'anima umana, o jivàtmà, è una faccia, o espressione parziale, della super-anima o Paramàtmà la Realtà divina che è fonte o sostrato dell'universo manifesto. Sebbene, in essenza, le due anime siano una sola e indivisibile, tuttavia il jivàtmà si è, soggettivamente, separato dal Paramàtmà ed è destinato, dopo aver completato un ciclo evolutivo nell'universo manifesto, a riunirsi ad esso nella coscienza.

La parola "Yoga" concerne uno stato. Uno stato di unità, uno stato senza separazione né divisioni. Lo "Yoga", non è un una tecnica, non si tratta di copiare una forma. Yoga è unicamente, esclusivemente un'esperienza. Per conoscerla non si può che viverla. E la caratteristica di questa esperienza è di essere sempre personale. Non esiste in questa ricerca un'esperienza tipo.

Nel sesto capitolo della Bhagavad Gita, Sri Krishna indica ad Arjuna il significato di Yoga: «Quando la mente, l'intelletto e l'io (ahamkàra) sono sotto controllo, liberi da desideri e stabiliti nello spirito, allora l'uomo diventa uno Yukta - uomo in comunione con Dio. Una lampada non tremola quando non soffiano venti; così è per uno yogi, che controlla la sua mente, il suo intelletto e il suo io, assorto nello spirito che è in lui. Quando la pratica dello Yoga placa l'agitazione della mente, dell'intelletto e dell'io, lo yogi, con la grazia dello Spirito in lui, trova completo appagamento. Così conosce l'eterna gioia, che è al di là del confine dei sensi e che la ragione non può afferrare. Rimane in questa realtà e non si allontana da essa. Ha trovato il tesoro al di sopra di tutti gli altri. Non vi è niente di più alto di tutto ciò. Colui che lo ha capito, non può essere toccato dalle sventure più grandi. Questo è il vero significato di Yoga: una liberazione dal dolore e dalla sventura».

Cosi la parola Yoga racchiude l'aspirazione umana diretta al raggiungimento della pace interiore e della felicità.
Come dice Gérard Blitz: "Quando la mente è in pace lo stato di Yoga si produce".